pollo - coniglio e volatili da cortile, ricetta, Secondi piatti

Petto di pollo alla Norcina

Quando cucino petto di pollo sono proprio ridotto male e vuol dire che ad idee sono a zero. Il petto è una parte del pollo che non amo lo considero un ripiego dell’ultimo momento e finisce sempre o arrostito alla piastra dopo una marinatura in olio e limone oppure fritto a cotoletta il che non mi soddisfa per nulla e a lungo andare diventa di una disperante monotonia. Oggi mi sono trovato in questa situazione idee nulle, nel freezer solo tagli di carne non graditi al resto dei commnsali e quindi inutilizzabili. Dopo aver inutilmente cercato di convincere le assaggiatrici di famiglia che si poteva infornare uno stinco di maiale, sentendomi rispondere che dovevo essere matto a fare proposte di questo tipo col caldo umido che ancora imperversa a metà settembre, ho dovuto gioco forza ripiegare sul petto di pollo. Presa la decisione, ho cominciato a pensare al modo di rendere l’ingrediente il più appetitoso possibile perché di griglia o di frittura proprio non avevo la minima voglia. Caratterialmente ho un difetto se una persona non mi piace difficilmente cambio idea sul suo conto e cerco d’evitate ogni possibile contatto. Quando cucino, mi comporto nello stesso modo se un ingrediente non m’aggrada evito di trattarlo e difficilmente penso a ricette o a varianti di ricette che ne contemplino l’uso. In questi casi mi metto a scartabellare e leggendo qui e la ho trovato in una vecchia enciclopedia della cucina italiana una ricetta umbra intitolata “costolette di maiale alla norcina” che m’è parsa adeguata a rendere appetibile anche il petto di pollo. L’elemento che mi ha convinto a provare questa cottura è stato l’abbinamento del burro con dei sottaceti tritati finemente per creare il sughetto d’accompagnamento e alla fine devo dire che nella sua semplicità il piatto è di buona riuscita. Tenete a mente questa ricetta perché è una valida alternativa che consente di preparare in modo appetitoso e tutto sommato abbastanza veloce un ingrediente non troppo saporito e difficile da trattare per consistenza come il petto di pollo.

 

 

Il petto di pollo alla norcina e segnato da una notevole untuosità che pone in secondo piano la componente acida fornita dei sottaceti. Ho provato quindi ad abbinare un bianco di media struttura di non eccessiva freschezza ma dotato di lunga persistenza. La scelta è caduta su un blended laziale di chardonnay e viogner l’Antinoo di Casale del Giglio che anche se non perfetto ha fornito un abbinamento per lo meno gradevole.

 

Petto di pollo alla norcina

Petto di pollo alla norcina

Di ropa55 Pubblicata: settembre 16, 2015

  • Resa: 4 Persone servite
  • Preparazione: 15 minuti
  • Cottura: 30 minuti
  • Pronta In: 45 minuti

Tenete a mente questo petto di pollo alla norcina perché è una ricetta abbastanza veloce ed una valida alternativa per cuocere un ingrediente difficile per il sapore non incisivo e la consistenza stopposa, come il petto di questo volatile da cortile.

Ingredienti

Istruzioni

  1. Tagliate a straccetti il petto di pollo.
  2. Infarinateli appena.
  3. Fateli colorire a fiamma viva girandoli una sola volta. La cottura deve durare pochi minuti, salate,pepate, scolate gli straccetti dall'olio e teneteli in caldo.
  4. Rosolate aglio e cipolla nello stesso olio in cui ha cotto il pollo.
  5. Quando gli odori sono appassiti sfumate il vino e poi abbassate la fiamma per farlo ben evaporare.
  6. Asciugato il vino fate sciogliere il burro.
  7. Unite i sottaceti tritati finemente e fateli ammorbidire a fiamma bassa.
  8. Alla fine unite al fondo gli stracci di pollo , aggiustate di sale e pepe nero. Questo è il momento di sfumare un po' d'aceto bianco se gradite un sapore più incisivo.
  9. Fate stringere bene in modo che il fondo sia bello consistente.
  10. Servite subito ben caldo.